Tutti i brand italiani sono #prontiaripartire e tu?

Dopo uno stop durato più di 40 giorni, quasi tutte le aziende e imprese italiane sono ormai impazienti di uscire dal serrato lockdown imposto dall’emergenza coronavirus e di riprendere in mano il proprio business. Dal mondo del fashion all’automotive, dal settore alberghiero all’aeroportuale, dalle grande industrie manifatturiere ai piccoli artigiani, dalle imprese di servizi agli studi professionali, ogni attività scalpita desiderosa di ripartire il prima possibile.

Oggi vogliamo parlarti di come alcuni famosi Brand del Made in Italy si stanno preparando ad affrontare il nuovo inizio.

Il primo esempio è il Brand Gucci che già lo scorso sabato ha annunciato di riaprire dal 20 aprile il suo laboratorio prototipi di Firenze, con il ripristino graduale delle attività, svolte nella massima sicurezza e con un numero più ristretto di lavoratori.

Anche FederAuto (la più importante organizzazione che riunisce tutte le principali imprese concessionarie di vendita e assistenza di autovetture) sta in questi ultimi giorni scaldando i propri motori e, per bocca del suo Presidente, ha annunciato di “essere pronta a mettersi nuovamente in moto e a riprendere il suo viaggio nella mobilità affianco ad ogni azienda e persona”, lanciando un video che racchiude i valori distintivi dell’organizzazione e la filosofia del brand.

Altro settore pronto a riprendere le sue attività produttive è quello del design e dell’arredo. Proprio in questi giorni gli imprenditori di B&B Italia, Boffi, Bisazza, Flexform, Giorgetti, Cassina, Molteni Group, Poltrona Frau, hanno firmato il proprio “Design Manifesto” frutto di un piano condiviso per garantire la ripresa produttiva e gestire la nuova fase, impegnandosi ad adottare le misure di sicurezza per la salute dei lavoratori e di sanificazione degli ambienti di lavoro.

Richiedi maggiori informazioni

Sei iscritto alla nostra newsletter?

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle ultime novità!

Compilando i campi si accettano le condizioni della privacy/GDPR per il trattamento dei dati personali