Fatti creativiFare comunicazione oggi

ADVERTISING STORY - Barilla e il gattino che la sapeva lunga

  Home/Blog/ADVERTISING STORY - Barilla e il gattino che la sapeva lunga

E poi, Barilla. Una delle pubblicità più amate di sempre, dalla colonna sonora unica e dalla storia strappacuore, uno spot che punta tutto sui buoni sentimenti.

Tra gli spot più amati degli anni Ottanta come non citare la serie Barilla ideata da Gavino Sanna (ti ricordi? abbiamo parlato di questo importante nome della pubblicità nel numero di Fatti Creativi di qualche mese fa). In particolare, lo spot della bambina e del gattino, un vero cult per tutti.

{youtube}https://www.youtube.com/watch?v=giwQmBfKNEg {/youtube}

Anche qui, bastano le prime note musicali per essere catapultati nella dimensione Barilla, segno di una scelta musicale molto forte e riconoscibile che identifica il brand spot dopo spot.
In pochi secondi, ci troviamo dentro un racconto vero e proprio che, anche grazie anche a una maggiore durata (60 secondi invece di 30), ci porta nel cuore di una storia che ha per protagonista una bambina infreddolita che salva un gattino dalla pioggia. Come vedremo, è proprio questo, il racconto di una storia emozionante, il punto di forza di questo spot.
Dopo aver perso lo scuolabus, una bambina torna a casa a piedi sotto la pioggia. Lungo la strada salva un gattino infreddolito, mettendolo sotto al suo impermeabile giallo. Nel frattempo, a casa, sua madre sta preparando una minestra, ovviamente con una pasta Barilla. Sia lei che suo padre sono preoccupati (ma non troppo) del ritardo della bambina. Finalmente la piccola rientra, mostrando con un gran sorriso il gattino, subito accolto e rifocillato. Intanto, il padre metta in tavola la zuppiera. Lo spot chiude con il claim, che in questo caso è uno dei payoff più famosi di sempre: ‘Dove c’è Barilla c’è casa’.
Il messaggio relativo al prodotto si trova alla fine ed è che la pasta Barilla non scuoce, nonostante il ritardo della bambina resta buona e pronta da gustare. Ma in questo caso, l’accento sulla qualità del prodotto è secondario rispetto alla potenza del resto: la creazione di un immaginario positivo, fatto di valori che mettono al centro la famiglia, la carità e l’amore.
Siamo di fronte a un ‘capolavoro’ del genere, in cui tutto è costruito perfettamente, per muovere nello spettatore un sentimento di empatia e tenerezza, a cominciare dai dettagli che caratterizzano la bambina (l’impermeabile giallo, le treccine). Intento perfettamente riuscito e che lo rende ancora oggi un esempio insuperato della capacità di coinvolgimento di uno spot.

 





      

Contattaci

SEDE DI ROMA
  • Via di Tor Pagnotta, 94 - 00143
  • Tel/fax: (+39) 06 93 56 39 71 R.a.
SEDE DI MILANO
  • Via Vincenzo Monti, 8 - 20123
  • Tel. (+39) 02 46712734
  • Fax (+39) 02 48013233
ORARI
Lunedì-Venerdì:
9.00 - 13.00 ~ 14.00 - 18.00
Sabato e Domenica chiuso